Irpef: indennità di fine rapporto per lavoro prestato all'estero

È assoggettabile ad Irpef l'indennità di fine rapporto corrisposta ad un soggetto non residente per lavoro prestato all'estero?

In tema di IRPEF, la Suprema Corte di Cassazione ha affermato che l'indennità di fine rapporto (nella specie, l'indennità supplementare per licenziamento prevista dall'art. 19 del CCNL per i dirigenti di aziende industriali) corrisposta ad un soggetto non residente è assoggettabile a tassazione, ai sensi dell'art. 23 del d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, solo nel caso in cui trovi la propria fonte in un rapporto di lavoro dipendente il cui reddito sia assoggettabile ad imposizione in quanto prodotto nel territorio dello Stato.

Non è invece soggetta a tassazione quando derivi da lavoro dipendente prestato all'estero in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, in quanto i redditi derivanti da tale tipo di rapporto sono esclusi in ogni caso dalla base imponibile, ai sensi dell'art. 3 del d.P.R. n. 917 del 1986 citato (cfr. Cassazione, sentenza n. 26438 del 04/11/2008).

Leggi anche

  1. Non si prescrive l'azione di accertamento del rapporto di lavoro subordinato

  2. È giusta causa di licenziamento quella che fa venir meno il rapporto di fiducia e che, pertanto, non consente la prosecuzione anche provvisoria del rapporto di lavoro.

  3. Il reato del lavoratore è giusta causa di licenziamento solo se compromette il rapporto fiduciario con il datore