Ipoteca: illegittima al di sotto di € 8.000

L'ipoteca è illegittima se iscritta per un credito inferiore ad € 8.000, anche se anteriore alla Legge n. 73/2010

Con sentenza del 10 aprile 2012, n. 5771 la Cassazione a Sezioni Unite ha annullato l'iscrizione ipotecaria dell'Agente della Riscossione in quanto relativa ad un debito inferiore ad € 8.000,00.

E questo anche se si trattava di ipoteca iscritta prima dell'entrata in vigore della Legge n. 73/2010 (che ha vietato espressamente l'iscrizione di ipoteca per debiti inferiori alla soglia di € 8.000,00).

La Cassazione, richiamando l'orientamento già consolidato, ha ribadito la non iscrivibilità di ipoteca per un importo inferiore ad € 8.000,00, poichè - essendo l'ipoteca preordinata e strumentale all'espropriazione immobiliare - soggiace anch'essa al limite stabilito per l'espropriazione immobiliare, che è appunto € 8.000,00.

 

Tags:

Leggi anche

  1. La cartella esattoriale è illegittima se non indica la data in cui i ruoli sono stati resi esecutivi

  2. È possibile impugnare un atto della Equitalia spa (cartella esattoriale, avviso di mora, iscrizione di ipoteca o altro) per vizi di notifica di atti precedenti.

  3. L’Agente della Riscossione ha l’obbligo di comunicare l’iscrizione ipotecaria entro 90 giorni, pena l’illegittimità dell’iscrizione stessa.