Ipoteca: illegittima al di sotto di € 8.000

L'ipoteca è illegittima se iscritta per un credito inferiore ad € 8.000, anche se anteriore alla Legge n. 73/2010

Con sentenza del 10 aprile 2012, n. 5771 la Cassazione a Sezioni Unite ha annullato l'iscrizione ipotecaria dell'Agente della Riscossione in quanto relativa ad un debito inferiore ad € 8.000,00.

E questo anche se si trattava di ipoteca iscritta prima dell'entrata in vigore della Legge n. 73/2010 (che ha vietato espressamente l'iscrizione di ipoteca per debiti inferiori alla soglia di € 8.000,00).

La Cassazione, richiamando l'orientamento già consolidato, ha ribadito la non iscrivibilità di ipoteca per un importo inferiore ad € 8.000,00, poichè - essendo l'ipoteca preordinata e strumentale all'espropriazione immobiliare - soggiace anch'essa al limite stabilito per l'espropriazione immobiliare, che è appunto € 8.000,00.

 

Leggi anche

  1. Nuova direttiva Equitalia dell'8 giugno 2010: più tempo per opporsi al pignoramento presso terzi.

  2. L’Agente della Riscossione ha l’obbligo di comunicare l’iscrizione ipotecaria entro 90 giorni, pena l’illegittimità dell’iscrizione stessa.

  3. Illegittima l'iscrizione ipotecaria se l'Equitalia ha depositato al Conservatore il solo "estratto di ruolo"