Eredità con beneficio di inventario: legittima la notifica della cartella

In pendenza della procedura di liquidazione dell'eredità con beneficio di inventario, è legittima la notificazione della cartella di pagamento all'erede

La Cassazione ha affrontato la questione se sia legittima la cartella di pagamento notificata all'erede in pendenza della procedura di liquidazione dell'eredità con beneficio di inventario.

Il dubbio è sorto in quanto l'articolo 506 del Codice civile vieta l'esercizio dell'azione esecutiva dopo che l'erede ha provveduto a pubblicare, nel foglio degli annunzi legali della provincia, l'invito ai creditori e ai legatari a presentare le loro dichiarazioni di credito, ai sensi dell'articolo 498 del Codice civile.

Dopo tale pubblicazione, dunque, nessuna procedura esecutiva può essere avviata sui beni oggetto dell'eredità.

Con riferimento alla cartella di pagamento, tuttavia, la stessa può essere legittimamente notificata in quanto, come da pacifico orientamento, essa non rappresenta un "atto esecutivo" ma solamente un atto che preannuncia l'eventuale esecuzione. La cartella quindi è parificabile al precetto (di natura non esecutiva) e come tale non rientra nel divieto di cui al citato articolo 506 (Cassazione, sentenza del 23 gennaio 2017, n. 1698).

 

 

Leggi anche

  1. La procedura ed i termini per la riscossione dei crediti previdenziali: dall'avviso bonario alla notifica della cartella esattoriale

  2. Nel caso di tardiva o mancata notifica della cartella esattoriale, il contribuente può chiamare in causa indifferentemente l'ente creditore oppure l'Agente della riscossione

  3. Per dimostrare l'avvenuta notifica della cartella, l'Equitalia deve depositare anche l'originale o la copia della cartella con la relata in calce