Equitalia e intimazione di pagamento

Sono impugnabili le intimazioni di pagamento inviate dall'Agente della riscossione (oggi, le società Equitalia)

Le intimazioni di pagamento vengono inviate dall'Agente della Riscossione dopo che sia decorso un anno dalla notifica della cartella.

In mancanza, l’Agente della Riscossione non potrebbe - decorso il detto anno - attivare le procedure esecutive.

L'avviso di intimazione contiene:

  • le generalità del destinatario dell’atto;
  • il riferimento della cartella di pagamento;
  • la descrizione dei tributi e degli oneri accessori dovuti dal cittadino.

Dalla data di notifica dell’avviso di intimazione, il cittadino ha a disposizione 5 giorni di tempo per effettuare il pagamento di quanto dovuto. Trascorsi 5 giorni, l'Agente della Risossione potrebbe legittimamente agire in via esecutiva.

L‘intimazione perde efficacia trascorsi 180 giorni dalla data di notifica.

Contro l'intimazione di pagamento è possibile presentare ricorso all'Autorità giudiziaria competente (Commissione tributaria provinciale, Giudice di Pace o Tribunale, a seconda della tipologia del credito), analogamente a quanto previsto per le cartelle esattoriali.

Leggi anche

  1. Se l'intimazione di pagamento ha per oggetto i tributi, il ricorso deve essere proposto dinanzi alla Commissione tributaria

  2. Con la Legge n. 10/2011 è oggi possibile ottenere una seconda dilazione in caso di mancato pagamento delle rate

  3. Nuova direttiva Equitalia dell'8 giugno 2010: più tempo per opporsi al pignoramento presso terzi.