Emissione di fatture per operazioni inesistenti: necessità del dolo specifico

Il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti richiede necessariamente che il soggetto agisca al fine di consentire a terzi l'evasione fiscale

L'articolo 8 del Decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74 prevede il reato  di emissione di fatture per operazioni inesistenti ("1. E' punito con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di consentire a terzi l'evasione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto, emette o rilascia fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

2. Ai fini dell'applicazione della disposizione prevista dal comma 1, l'emissione o il rilascio di più fatture o documenti per operazioni inesistenti nel corso del medesimo periodo di imposta si considera come un solo reato.

3. Se l'importo non rispondente al vero indicato nelle fatture o nei documenti è inferiore a lire trecento milioni per periodo di imposta, si applica la reclusione da sei mesi a due anni").

Come si evince chiaramente dalla lettura dell'articolo 8, al fine della sussistenza del reato è richiesto il dolo specifico, ossia che l'agente agisca allo scopo di consentire a terzi l'evasione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto.

La Cassazione ha precisato che il fine fiscale (ossia consentire l'evasione) può anche non essere esclusivo, nel senso che anche altre finalità (ad esempio quella del profitto personale) possono concorrere con quella fiscale, ma quest'ultima deve sempre sussistere perché, mancando il dolo specifico di evasione, il reato non è configurabile (Cassazione, sentenza del 5 novembre 2013, n. 44665).

Leggi anche

  1. L'occupazione abusiva di immobili destinati all'edilizia pubblica agevolata non costituisce reato se l'occupante versa in stato di necessità

  2. Il giudice penale può infliggere al condannato come pena accessoria quella della decadenza o della sospensione della potestà genitoriale

  3. Il reato di falso in bilancio, o meglio il reato di false comunicazioni sociali, alla luce delle novità introdotte dal D.lg. 61 del 2002.