Duplicazione abusiva di software

La duplicazione abusiva di un programma per elaboratore è reato anche se tale duplicazione non è finalizzata a scopi commerciali o imprenditoriali.

La duplicazione abusiva di un programma per elaboratore integra il reato di cui all'art. 171 bis comma 1 della Legge n. 633/41, anche se tale duplicazione non è finalizzata a scopi commerciali o imprenditoriali.

La Cassazione infatti ha precisato che è sufficiente il fine del "profitto" affinchè la riproduzione di software dia luogo al reato di cui all’art. 171 bis comma 1 citato.

Pertanto la condotta suddetta è punita anche qualora abbia il solo scopo di destinare la copia all'uso in uno studio professionale.

Leggi anche

  1. L'occupazione abusiva di immobili destinati all'edilizia pubblica agevolata non costituisce reato se l'occupante versa in stato di necessità

  2. Il giudice penale può infliggere al condannato come pena accessoria quella della decadenza o della sospensione della potestà genitoriale

  3. Il reato di falso in bilancio, o meglio il reato di false comunicazioni sociali, alla luce delle novità introdotte dal D.lg. 61 del 2002.