Corte Costituzionale, sentenza 11 febbraio 2014: scompare la parificazione tra droghe pesanti e leggere

Per effetto della sentenza della Corte costituzionale dell'11 febbraio 2014, viene meno l'equiparazione tra droghe pesanti e leggere

La Corte costituzionale, con sentenza dell’11 febbraio 2014, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale - per violazione dell’articolo 77, secondo comma, della Costituzione - degli articoli 4 bis e 4 vicies ter del Decreto legge del 30 dicembre 2005, n. 272, così rimuovendo le modifiche apportate con le norme dichiarate illegittime agli articoli 73, 13 e 14 del D.P.R. del 9 ottobre 1990, n. 309 (Testo unico in materia di stupefacenti).

Per effetto della dichiarazione di incostituzionalità, è venuta meno la "parificazione" tra le sostanze stupefacenti "pesanti" (quali, ad esempio, cocaina ed eroina) e "leggere" (ad esempio, hashish e marijuana).

Le principali conseguenze sono:

  • le sanzioni penali e amministrative, previste dagli articoli 73 e 75 del D.P.R. n. 309/90, dovranno essere differenziate a seconda che si tratti di droghe pesanti o leggere (mentre, prima della pronuncia di inconstituzionalità, il trattamento sanzionatorio era il medesimo);
  • se la condotta incriminata ha per oggetto sia "droghe pesanti" sia "droghe leggere", si configurano due fattispecie di reato differenti, avvinte dal vincolo della continuazione, e non più una sola fattispecie.

Si torna quindi al sistema tabellare anteriore alla Legge Fini-Giovanardi (Legge 21 febbraio 2006, n. 49), distinguendo tra droghe "pesanti" (tabelle I e III) e droghe "leggere" (tabelle II e IV).

In particolare, le tabelle I e III, relative alle "droghe pesanti" (ossia quelle in grado di produrre effetti sul sistema nervoso centrale e di determinare dipendenza fisica o psichica nell’assuntore), ricomprendono tra l'altro:

  • l’oppio e i suoi derivati;
  • le foglie di coca e i suoi alcaloidi;
  • le anfetamine ad azione eccitante sul sistema nervoso (tra le quali l’ecstasy o MDMA);
  • il tetraidrocannabinolo (che è il principio attivo dell’hashish) e i suoi analoghi;
  • i barbiturici ad alto effetto ipnotico e sedativo.

Le tabelle II e IV, relative, invece, alle "droghe leggere" (per le quali i pericoli di induzione di dipendenza fisica e psichica sono di intensità e gravità minori di quelli prodotti dalle sostanze elencate nelle tabelle I e III), comprendono tra l'altro:

  • la cannabis indica e i suoi derivati (hashish, marijuana);
  • i prodotti di corrente impiego terapeutico che, presentando nella loro composizione talune delle sostanze indicate nelle tabelle I e III, potevano presentare problemi di dipendenza.

La pronuncia di incostituzionalità ha delle conseguenze anche sul piano probatorio, allorquando occorra dimostrare se la detenzione della droga era destinata a un uso non esclusivamente personale (ossia, al mercato).

A tal fine, non potrà più farsi riferimento al parametro quantitativo della quantità media detenibile (q.m.d.) di cui al Decreto ministeriale dell' 11 aprile 2006, che a sua volta è travolto dalla declaratoria di illegittimità costituzionale.

Potrà tuttavia farsi riferimento ai principi che erano già stati elaborati dalla giurisprudenza, nella vigenza della Legge Vassalli-Jervolino (Legge n. 162/90).

Precisamente, la giurisprudenza riteneva che, in assenza della flagranza dello spaccio, la prova della destinazione illecita della sostanza detenuta doveva ricavarsi dalle circostanze oggettive e oggettive della vicenda, utilizzando proprio quegli elementi fattuali che poi erano stati trasfusi normativamente nell’articolo 73, comma 1-bis, lettera a), del Dpr n. 309 del 1990.

La prova della destinazione della sostanza stupefacente allo spaccio, quindi, può essere tratta da qualsiasi elemento o dato indiziario che - con rigore, univocità e certezza - consenta di inferirne la sussistenza attraverso un ragionamento logico adeguatamente fondato su corrette massime di esperienza. In una tale ottica, elemento di primaria importanza è costituito dal dato quantitativo, e, quando esso non sia da solo rilevante, può farsi ricorso a ulteriori acquisizioni, indicative del fine di spaccio: esemplificando, qualità o meno di tossico-dipendente del detentore, compimento di pregressi fatti sintomaticamente rivelatori di dedizione allo spaccio, modalità della custodia della droga, possesso di materiali e strumenti idonei al dosaggio, condizioni economiche dell’imputato e ogni altra circostanza che possa ritenersi indice rivelatore della destinazione allo spaccio (Cassazione, sentenza del 13 maggio 1997).

Leggi anche

  1. L'acquisto (e la detenzione) di droga per uso di gruppo non è reato se ricorrono certe condizioni

  2. In caso di guida in stato di ebbrezza, a seguito della Legge n. 120/2010, il sequestro e la confisca del veicolo possono essere disposti dal Prefetto, e non più dal Giudice penale

  3. La natura degli accertamenti condotti sulle sostanze stupefacenti