Confisca urbanistica: inapplicabile in caso di prescrizione del reato

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha affermato l'illegittimità della confisca urbanistica in tutti i casi di proscoglimento, ivi compresa la prescrizione del reato

In materia di "confisca urbanistica", la Cassazione ne ha costantemente affermato la natura "amministrativa" con la conseguente applicabilità della stessa anche in assenza di condanna (e, in particolare, in caso di proscioglimento per intervenuta prescrizione del reato).

Contrariamente all'orientamento della Cassazione, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha ritenuto che l'applicazione della confisca urbanistica nelle ipotesi di proscioglimento per estinzione del reato costituisce una violazione del principio di legalità sancito dall'art. 7 Cedu (sentenza Varvara c. Italia, del 29 ottobre 2013). In particolare, la questione sottoposta alla Corte europea verteva sulla legittimità della distinzione interna tra pena e confisca (quest'ultima appunto di natura amministrativa), e della conseguente applicabilità della seconda in assenza di condanna.

La Corte europea ha osservato che l'articolo 7 della C.e.d.u. non si limita a richiedere la necessità di una base legale per i reati e per le pene, ma implica altresì l'illegittimità dell'applicazione di sanzioni penali per fatti commessi da altri o, comunque, che non sia fondata su di un giudizio di colpevolezza.

L'applicazione della confisca urbanistica in assenza di condanna risulta, pertanto, incompatibile con quest'ultimo corollario e comporta una violazione della disposizione in parola.

Leggi anche

  1. In caso di guida in stato di ebbrezza, a seguito della Legge n. 120/2010, il sequestro e la confisca del veicolo possono essere disposti dal Prefetto, e non più dal Giudice penale

  2. Dopo la Legge n. 120/2010, per i reati di guida in stato di ebbrezza o in stato di alterazione per l'effetto di stupefacenti, dovranno essere revocati il sequestro e la confisca del veicolo disposti dal Giudice penale.

  3. Non è configurabile il reato di calunnia nel caso di denuncia all'Assicurazione.