Cartella esattoriale e notifica a mezzo pec

Dal 22 ottobre 2015 è obbligatoria per le imprese la notifica a mezzo PEC, anche in materia di cartelle esattoriali

Il Decreto legislativo n. 159/2015, entrato in vigore il 22 ottobre 2015 ha previsto all'articolo 14 la possibilità per l'Agente della riscossione di notificare gli atti a mezzo pec (posta elettronica certificata).

Occorre però distinguere tra persone fisiche da una parte, e imprese individuzli e società dall'altra.

Le persone fisiche riceveranno gli atti via PEC solo se ne faranno richiesta.

Per le ditte, aziende e società, invece, il ricevimento tramite PEC sarà obbligatorio. Nei casi in cui la casella di posta non funzionasse, per qualsiasi motivo, sono previste ripetizioni di invii a decorrere dal quindicesimo giorno dal primo oppure il deposito dell’atto presso la Camera di Commercio in cui il soggetto è iscritto.

Leggi anche

  1. In caso di firma illegibile, si considera valida la notifica della cartella esattoriale

  2. Se il contribuente contesta in giudizio l'omessa notifica della cartella esattoriale, l'Agente della riscossione ha l'onere di provare l'avvenuta notifica, producendo la relata di notifica e la copia della cartella stessa.

  3. La procedura ed i termini per la riscossione dei crediti previdenziali: dall'avviso bonario alla notifica della cartella esattoriale