Azione di accertamento del rapporto di lavoro subordinato: prescrizione

Non si prescrive l'azione di accertamento del rapporto di lavoro subordinato

Nel nostro ordinamento giuridico, l’inserimento del lavoratore nella categoria dei lavoratori subordinati o nelle categorie dei lavoratori autonomi e parasubordinati, ha conseguenze estremamente rilevanti sul piano normativo e fiscale.

Spesso le imprese stipulano contratti di collaborazione, piuttosto che contratti di lavoro subordinato, per avere maggiori benefici economici.

Tuttavia, al momento della cessazione del rapporto di lavoro, il lavoratore potrebbe promuovere un’azione giudiziale per accertare, in via retroattiva, l’effettiva natura subordinata del rapporto medesimo.

Nel caso del riconoscimento in tal senso, il datore di lavoro dovrà versare i contributi previdenziali non corrisposti precedentemente, oltre ad una serie di sanzioni e more.

Si precisa che l'azione per l'accertamento del lavoro subordinato non è soggetta a prescrizione, a differenza dei singoli diritti conseguenti (Cassazione sentenza n. 10824/1997).

Leggi anche

  1. È giusta causa di licenziamento quella che fa venir meno il rapporto di fiducia e che, pertanto, non consente la prosecuzione anche provvisoria del rapporto di lavoro.

  2. È assoggettabile ad Irpef l'indennità di fine rapporto corrisposta ad un soggetto non residente per lavoro prestato all'estero?

  3. Il reato del lavoratore è giusta causa di licenziamento solo se compromette il rapporto fiduciario con il datore