Accordi sull'assegno di mantenimento: validità

Sono validi gli accordi sul mantenimento successivi al provvedimento che omologa le condizioni di separazione

In tema di separazione personale, le modificazioni pattuite dai coniugi successivamente all'omologazione, trovando fondamento nell'articolo 1322 del Codice civile, devono ritenersi valide ed efficaci, anche a prescindere dallo speciale procedimento disciplinato dagli articoli 710 e 711 del Codice di procedura civile, senz'altro limite che non sia quello di derogabilità consentito dall'articolo 160 del Codice civile.

Le pattuizioni, invece, convenute dagli stessi coniugi antecedentemente o contemporaneamente al decreto di omologazione, e non trasfuse nell'accordo omologato, sono operanti soltanto se si collocano, rispetto a quest'ultimo, in posizione di non interferenza o in posizione di conclamata e incontestabile maggiore (o uguale) rispondenza all'interesse tutelato attraverso il controllo di cui all'articolo 158 del Codice civile (Cassazione, sentenza del 20 ottobre 2005, n. 20290).

Leggi anche

  1. L'aggiornamento ISTAT è automatico sia per l'assegno di mantenimento in sede di separazione sia per l'assegno divorzile

  2. L'assegno di mantenimento, stabilito in sede di separazione o divorzio, è deducibile dal reddito

  3. L'assegno divorzile una tantum non è soggetto alle imposte sul reddito